Tappa 12.
Anello Ramo Nord

Pescasseroli – Passo Godi

Segnavia del Parco:
Distanza:
Difficoltà:

A9, A1, A4, Y1, Y7
20,6 km
Impegnativa per la lunghezza

D+:
D-:
Quota max:

1095 m
756 m
1982 m slm

Area Protetta attraversata

 

 

Colli Alti sopra Pescasseroli – Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

Acquerello di Giampiero Pierini

Tappa assai lunga e molto bella e varia di panorami, apre l’anello in cinque Tappe, in senso orario, con rientro a Pescasseroli.

L’anello, assoluta novità della nuova edizione della Via dei Lupi, permette di attraversare molte aree più o meno comuni del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Si inizia atrraversando il Torrente del Sangro, fiume principale del Parco, all’altezza dell’ufficio postale di Pescasseroli, lungo Via Piave, e da qui cominica la salita che ci porterà a superare i Colli Bassi e Alti, rilievi dolci prossimi al paese.

Arrivati poi sul fondavalle da cui passano i sentieri che arriverebbero, da dietro, al Monte Marsicano si giunge al Rifugio di Prato Rosso (foto) e al bivio tra l’A1 e l’A4, sentiero per il quale si dovrà continuare.

L’A4 risale l’impluvio di una valle con i fianchi più ravvicinati e che fa una bella curva di quasi novanta gradi finchè non esce in un ampio prato quasi chiuso all’estremità opposta dove il sentiero comincia a risalire il fianco orografico destro. Siamo ormai a quote di praterie montane e di alberi se ne incontreranno pochi.

Oscillando tra le quote medie di 1900 m slm, con una serie di saliscendi si attraversano quattro passi, costeggiando i versanti occidentali di Serra Campitello. Allo Stazzo Valico della Corte si prosegue lungo il sentiero Y1 risalendo fino al passo omonimo. Il paesaggio è composto da antiche forme glaciali, i circhi, che oggi ammiriamo come pareti concave delle cime più belle di queste settore: Monte Ninna, Monte Forcone e, il più alto, Monte Marsicano, con la sua lunga cresta..

Si esce definitavamente dal bosco e seguendo la sterrata che lambisce ampi ed estesi pascoli del Ferroio di Scanno (foto) si osserva la bella e continua dorsale della Serra dei Balzi che si sviluppa più a sud. Si arriva allo Stazzo di Ziomas con a sinistra la sua Serra di Ziomas  e verso SE l’isolato e alto Monte Godi. Proseguendo sulla comoda strada bianca verso i quadranti orientali,  si giungerà sulla SR 479 Sannite e seguendola a destra in breve si arriverà al fin tappa al Passo Godi.

En

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi