Ritorno           3a

BIOLOGIA

Habitat

 

Il lupo è un camminatore capace di percorrere grandi distanze e di sopravvivere in ambienti difficili e con scarse risorse.


La sua versatilità comportamentale e alimentare

gli consente di adattarsi a vivere in vari tipi di ambienti naturali in caso di necessità: dal bosco alle praterie, dalle città alle montagne, ad esempio in Italia è stato avvistato ad altitudini che variano dal livello del mare a oltre i 2000 m s.l.m.


La preferenza per un tipo di habitat

rispetto a un altro di solito dipende dalla disponibilità e dall'accessibilità alle fonti di cibo, dalla presenza di copertura boschiva o di potenziali competitori, ma con buona probabilità ogni ambiente che ha risorse alimentari può essere facilmente frequentato.

Nonostante ciò quando gli è possibile scegliere, il Lupo predilige ambienti boschivi dove oltre ad esserci più possibilità di cacciare le sue prede preferite è offerta anche una copertura vegetale.


Infatti il lupo è un animale elusivo,

che si muove durante le ore notturne e riposa durante il giorno, ma soprattutto non è molto incline agli incontri con l'essere umano.

 

 
 

STORIA

Spontaneamente...

Sono stati molti i fattori che hanno influenzato la ripresa spontanea della popolazione di Canis lupus italicus. Innanzitutto la protezione legale della specie e il divieto dell'utilizzo di bocconi avvelenati sul territorio nazionale

ha portato ad una drastica riduzione delle uccisioni, sebbene il bracconaggio sia ancora oggi presente.


L’istituzione poi di un gran numero di Aree Naturali Protette a partire dagli anni ’70

ha fatto sì che il lupo avesse vasti territori in cui portare avanti tranquillamente il suo ciclo vitale, anche grazie a programmi di conservazione che prevedevano la reintroduzione degli ungulati selvatici, sue principali prede.


Inoltre nello stesso periodo molte zone montane e collinari tradizionalmente abitate dall’uomo si andavano spopolando per la migrazione di intere comunità verso le città alla ricerca di lavoro, lasciando così campo libero al lupo.

Data la sua estrema adattabilità,

attualmente si sta espandendo anche in aree non ottimali per la specie, fortemente antropizzate, e dove sono presenti attività economicamente rilevanti come l’allevamento e l’agricoltura; zone, quindi, dove i rischi derivanti dal contatto con l’uomo sono frequenti.

 
 

CURIOSITA'

La leggenda del Lupo paracadutato

 

Dopo l’entrata in vigore delle leggi per la protezione della specie a metà anni ’70,


cominciò a diffondersi la leggenda metropolitana,

falsa ma ancora in voga, che l’aumento numerico dei lupi fosse dovuto a rilasci di esemplari provenienti dal resto d’Europa da parte dei ricercatori e del personale delle Aree Protette;


addirittura si diceva che gli animali (come si è detto anche di vipere, cinghiali e orsi), fossero stati paracadutati!

La reintroduzione di lupi è stata effettivamente sperimentata in tutto il mondo, solamente nel Parco americano di Yellowstone,

mentre in Italia sono stati effettuati, e a partire dagli anni '70, soprattutto di ungulati, sia per motivi venatori, come nel caso del Cinghiale, sia per motivi di conservazione, come le reintroduzioni sull’arco alpino di stambecchi, portati sull’orlo dell’estinzione nel ‘900 e oggi protetti, e in parecchie Aree Protette dell'Appennino di cervi e camosci appenninici, quest'ultimi appartenenti ad una sottospecie presente solo in Italia.


 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi