Tappa 5.

Cervara di Roma-Livata

Segnavia CAI
Distanza
Difficoltà

661, 664a, VL5, 664c, 653
16,7 km
Escursionistica

D+
D-
Quota Max

705 m
393 m
1514 m slm

Aree Protette attraversate

Parco dei Monti Simbruini

 

……………………. – Riserva di …………….

Acquerello di Giulia Mininno

Dal paese si ripercorre a ritroso, fino all’Area Faunistica del Cervo, una parte del percorso della Tappa precedente. Con il sentiero n. 664a, prima su antico tratturo recuperato e poi su una strada sterrata si arriva in Località San Bartolomeo, e traversata la strada principale che sale dall’abitato di Camerata Nuova, visibile in basso, al primo importante impluvio del Fosso Luisa (v’è un ponticello) si inizia a salire con decisione per il sentiero segnato 664c, conquistando una serie di pianori che fanno da anteprima al magnifico e sconfinato Piano di Camposecco (foto) da cui ci sia affaccia dal lato dell’omonimo Rifugio.

Traversando per il lato corto seguendo il 673c si entra in una boscosa valle  che porta a I Grottoni, alla località dei Tre Confini e poi a costeggiare un Volubro, ormai alla confluenza di Valle Maiura.

Proseguendo su strada bianca verso destra e dopo aver attraversato il bel pascolo di Campobuffone con una breve salita si raggiunge uil bel belvedere di Passo delle Pecore.

Una discesa più lunga su sentiero e di nuovo su sterrata ci accompagna alla frazione in quota di Livata.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi