Il Lupo            1a

BIOLOGIA

...conosciamo il Lupo

 

Il lupo è il rappresentante più grande della sua famiglia di appartenenza (Canidae), con un peso medio di 35 kg per i maschi e di 25 kg per le femmine. Caratteristica è la sua morfologia, come il muso e le orecchie appuntite, le zampe lunghe e sottili e il mantello che varia dal grigio al rossiccio a seconda delle sottospecie.
Tipica del lupo è l'elevata capacità sociale e di conseguenza l'abilità a comunicare con il linguaggio del corpo e con altri mezzi evolutisi nel tempo. Si tratta di un predatore che caccia prevalentemente ungulati di grossa taglia, ma in caso di necessità non disdegna animali più piccoli, carogne o spazzatura.
Autoctona della penisola italiana è la sottospecie del Lupo appenninico (Canis lupus italicus) che attualmente è considerato al "minimo rischio d'estinzione" secondo la lista rossa della IUCN.


 

 
 

STORIA

Oggi in Italia

 

Nel nostro Paese si stima che attualmente siano presenti circa 1800 esemplari di lupo (Canis lupus italicus). Dalle zone più impervie dell’Appennino centrale, quelle di presenza storica, il predatore si è espanso negli ultimi anni raggiungendo la sua attuale distribuzione che va dall’ Appennino calabro alle Alpi, comprendendo anche le zone collinari e pianeggianti di Toscana e Puglia.


Negli ultimi quarant’anni la specie in Italia è stata salvata dall’estinzione,

ma il suo ritorno sta causando non pochi conflitti con le attività zootecniche, soprattutto nelle aree di nuova ricolonizzazione.


Questo perché in quei luoghi il lupo era scomparso e si sono quindi sviluppate pratiche di allevamento che non contemplano la presenza di un tale predatore.


Se da una parte la sua spontanea ripresa è stata un successo di conservazione,

dall’altra ci pone delle importanti questioni di gestione del territorio, arrivando a farci interrogare sul nostro intero rapporto con la Natura.

 

CURIOSITA'

La storia di Slavc e Giulietta

 

Molte sono le storie che raccontano di come il principe e la principessa dopo numerose peripezie si incontrano e si giurano amore eterno e questo è proprio il lieto fine avuto da due lupi stanziatisi sull’arco alpino.


Dopo un viaggio di duemila chilometri in soli quattro mesi, partendo dalla Slovenia,

attraversando Austria ed Italia, guadando fiumi a nuoto, superando strade, autostrade e ponti, Slavc incontra nella zona veneta della Lessinia Giulietta.


Riguardo al lungo viaggio compiuto da Slavc si hanno precise informazioni in quanto l’esemplare era radiocollarato dall’Università di Lubiana, mentre Giulietta era stata campionata geneticamente sulle Alpi Occidentali.

In seguito al loro incontro, Slavc e Giulietta si stabiliscono tra i Monti Lessini e mettono su famiglia;

dopo un anno nascono i primi cuccioli e l’anno successivo c’è una seconda cucciolata.


La loro storia è diventata un caso internazionale, segnando la riconnessione geografica della popolazione di lupo Italiano con quella dei balcani, situazione che non si veniva a creare dall’inizio del XX secolo.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi